La giungla delle prenotazioni col SSN e altre quisquilie – [19+0]

Ho riprovato a prenotare la visita ecografica del secondo trimestre (quella compresa nel libretto regionale per la gravidanza) presso la ASL di Arezzo. Stavolta siamo fortunati non serve attendere gennaio per farla ad Arezzo o a Montevarchi, ma il 09/12 (cioè il giorno prima della scadenza per l’esame 😐 ) abbiamo la possibilità di farci visitare, e sapere soprattutto il tuo sesso, a La Fratta a Cortona.

Il primo pensiero è stato: no, grazie, troppo in là e troppo vicino alla data già fissata con il mio ginecologo il 16/12. L’appuntamento sarebbe anche alle 12, quindi parti da casa, vai in azienda ad Arezzo, riparti alle 11 per andare a Cortona, ritorna dopo l’eco ad Arezzo… Troppo sbattimento. Bene! Dopo aver tediato la centralinista del CUP con queste argomentazioni tanto interessanti ed aver detto di no, chiudo il telefono e vedo sul calendario che l’8 dicembre è infrasettimanale ed inoltre avevo già pensato di fare una vacanza-lampo salentina a cavallo di quei giorni, invece di andarci per Natale quest’anno. Prendo anche il 9 di ferie ed è fatta! 😉

Richiamo il CUP sperando ardentemente che quell’unica speranza per fare l’ecografia non fosse sfumata per la mia indecisione, e fortunatamente, così è stato. Prenotazione, quindi, per il penultimo giorno del quinto mese, effettuata.

Poi, dopo nemmeno 10 minuti dalla conclusione felice della faccenda, mi chiamano dall’intramoenia dell’ospedale (dove riceve il mio ginecologo). Attimo di panico perché li avevo chiamati in mattinata per chiedere se si fosse liberato un posto prima del 16 (proprio perché la visita del secondo trimestre avrei voluto farla entro il secondo trimestre! 🙂 ) ed ora magari mi chiamavano per dirmi che s’era liberato un posto, cioè da avere nessuna prenotazione mi ritrovavo ad averne due? No! Tranquille non si è verificata questa magica congiuntura astrale, mi hanno chiamato per dirmi che l’appuntamento era posticipato al 23/12 perché il ginecologo il 16 non sarebbe stato in ospedale! -.-‘ Bene! Mi hanno anche chiesto se confermavo la visita… No, dai! Ditegli che ci vediamo direttamente al parto! Certo che confermo lo spostamento.

In conclusione: la settimana di Natale per forza a casa, un culo tremendo a beccare l’ecografia il 09 altrimenti non avrei visto fagiolinx per quasi due mesi!!! 😮 Un grazie al ginecologo, molto umano lei.

Tra l’altro scrivo questo post tra uno starnuto e l’altro: sono riuscita a prendermi una sindrome parainfluenzale con mal di testa, gola e orecchie, tosse e raffreddore e non posso prendere altro che la tachipirina, che mi allevia solo il mal di testa per una mezz’ora. Vita da segregata in casa in attesa che questi benedetti 5 giorni di decorso del virus passino…

Mood della giornata


Acquista il CD su Amazon

2 commenti

  • Ilaria

    Sono abbastanza sorpresa nel dirlo, perché dell’ospedale di Livorno non sempre si sente parlare bene. Ma la mia esperienza è stata questa: in occasione del prelievo di sangue per il bi test mi hanno dato l’appuntamento per la prima ecografia prevista dal libretto di gravidanza (utilizzata anche ai fini del bi test). Quando sono andata a farla, mi hanno fissato l’appuntamento per la seconda eco, che poi corrisponde alla morfologica. Fatta quella mi hanno dato l’appuntamento per la terza e ultima eco del libretto. Con questo anticipo ho potuto organizzare di conseguenza gli appuntamenti con la mia ginecologa, che riceve anche lei in intramoenia. Insomma, su questo fronte ho percepito massima efficienza. Ogni tanto mi sembra giusto parlare anche di questi casi. Ora vediamo se sarò altrettanto fortunata con la prenotazione della curva glicemica!

    • Qui ad Arezzo invece le prescrizioni degli esami nel libretto vengono prenotate al CUP come una qualsiasi ricetta. Certo, immagino che volendo una potrebbe andare lì una volta e prenotare le ecografie tutte insieme, ma diventa difficile impegnare una data a molte settimane di distanza, soprattutto quando si lavora.
      A Livorno hanno organizzato le cose per bene.
      Comunque non posso lamentarmi del supporto nel complesso che la ASL8 mi ha dato, soprattutto le attività del consultorio sono molto efficienti e vicine alle donne (gestanti e mamme) che hanno difficoltà.
      E’ il mio ginecologo che crea più problemi, in realtà! 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *