Alimentazione in gravidanza – Alimenti da evitare

Come alcuni nutrienti sono necessari durante la gravidanza, così altri sono da eliminare o almeno limitare.

Evita:

  • superalcolici, il feto non metabolizza l’alcol, che passa attraverso la placenta e si accumula nel sistema nervoso ed in altri organi danneggiandoli (vedi sindrome feto-alcolica o FAS);
  • carne cruda o poco cotta (compresi i salami e gli insaccati in generale), in particolare per le donne negative alla toxoplasmosi, ma anche le altre donne perché la toxoplasmosi non è l’unica malattia infettiva che potrebbero veicolare;
  • uova crude e preparazioni che potrebbero contenerle come maionese fresca, zabaione e creme, per evitare la salmonellosi;
  • latte, latticini e formaggi non pastorizzati (compresi i formaggi a pasta molle come gorgonzola, camembert e brie), per evitare brucellosi e listeriosi;
  • salmone affumicato per la listeria, meglio cuocerlo;
  • molluschi e pesce crudi, per evitare l’epatite A.

Limita:

  • vino e birra, meglio evitare del tutto l’alcol se possibile (vedi FAS, Sindrome feto-alcolica);
  • sale, ed usare preferibilmente quello iodato, perché il fabbisogno di iodio è maggiore;
  • fritti e impanature;
  • caffeina e altre sostanze eccitanti (caffè, tè, cacao, bevande a base di cola), preferisci i prodotti decaffeinati o deteinati; il metabolismo del caffé è rallentato di 15 volte durante la gravidanza, quindi si risente di più del normale dei suoi effetti;
  • dolci, gelati, bibite zuccherate o con edulcoranti e succhi di frutta zuccherati;
  • condimenti o sughi ricchi e salse varie; condire preferibilmente con olio extravergine di oliva o olio monoseme a crudo.

 


<— Vai a 3 – Nutrienti necessari ed integratori     ―•―•―     Vai a 5 – Accorgimenti utili —>


 

Nota: Questo articolo ha solo scopo divulgativo, non sono un medico nè ciò che vi è scritto sostituisce e/o integra un parere medico.